@rbit

Informatica, Elettronica e Hobby.
Cosa stai cercando?

Il tuo indirizzo I.P. è: 54.198.103.13

Le quattro frecce

Le quattro frecce. - pag. 1

vai a ⇐ pag. 1 Alle 10:30 sento aprire la porta con impeto schizzofrenico e già capisco che qualcosa non va.
Giornata estiva, la temperatura era di 35°C all’ombra. Appare mia sorella, paonazza da fare invidia ai papaveri, i capelli dritti, tipo quelli di una martire, tipo scossa elettrica tutti per uno, tachicardia da ricovero, respiro dell’ultima ora.
Arrabbiata perché costretta a rivolgermi la parola e arrabbiata per quello che gli era accaduto.
“Che ti è successo?” ho chiesto subito, ma non preoccupato perché ormai so che non sono mai problemi reali, sono solo situazioni nuove per lei con le quali non ha mai avuto a che fare e quando le deve vivere le trasforma in tragedia, al contrario della Rosina della moka che trasforma le tragedie in barzellette.
Come dicevo prima, sapevo che era arrabbiata e fuori di se e volevo riportarla alla realtà prima che le capitasse davvero qualcosa.
Mi rispose: “Non so come ho fatto ad arrivare con la macchina ai parcheggi. Si è bloccato l‘interruttore delle frecce. Emette solo un ticchettio fisso ma non risponde se vuoi segnalare destra o sinistra.” E giù a descrivere scenari apocalittici.
Le chiesi: “Ma la leva è al centro? Hai tolto le chiavi dal quadro?” Mi rispose: “Certo, non sono stupida, ora la macchina è spenta e queste sono le chiavi, ma il ticchettio

si sente ugualmente e le frecce sono accese. E se si rovina la batteria, e se si innesca un corto circuito, e se…., e se…,” non ricordo più tutto quello che ha immaginato.
“Va bene” ho detto “calmati non ti preoccupare la portiamo immediatamente da un elettrauto e la facciamo controllare.”
Indicando la sua faccia e i capelli mi rispose: “la portiamo? In questo stato?”
“Non in questo stato… In America.” Sdrammatizzai io.
Ribattè lei: “Non la puoi portare da solo?”
Le chiesi le chiavi e la invitai a riposarsi e rinfrescarsi un attimo, intanto sarei andato a dare un’occhiata.
Mi recai ai parcheggi, e da lontano vedi tutte e quattro le frecce lampeggiare.
Apro la macchina e noto che era stato inserito il l'interuttore delle quattro frecce.
Rientrai e ancora preoccupata mi chiese: “allora è grave? la dobbiamo comprare nuova o si ripara?”
Con tono rassicurante le risposi “Non è niente, avevi solo inserito involontariamente le quattro frecce.”
In quell’attimo il suo cervello tolse il cartello e riaprì la bottega e ridendo rispose: “Ah! perché alla macchina ci sono anche le quattro frecce?”
Così mia sorella a cinquantatre anni, guida da trenta ha scoperto l’uso delle quattro frecce.

Le quattro frecce

La moka di Rosina. Storia successiva - La moka di Rosina.

Testa














Piede
 


[ Home Page | Contatti | Privacy | Mappa del Sito ]

Per informazioni scrivere a: info@arbit.it Via A. Guidoni 8, 73049 Ruffano (LE)


designed by Rocco RILLO