@rbit

Suggerimenti e consigli Informatica & Elettronica.
Cosa stai cercando?

Il tuo indirizzo I.P. è: 23.20.240.193

» Home » Ruffano » Racconti e storie in dialetto salentino » La Domenica delle Palme.

La domenidca delle Palme. pag... 1 2

⇐ pag. precedente 

La domenica delle Palme - pag. 2

vai a ⇐ Pag. 1   Quell’anno Pasqua cadeva verso la fine del mese di aprile e gli alberi d’ulivo non solo erano verdeggianti di  foglie con la chioma argentea ma avevano anche i fiori, grappoli di minuscole palline verde chiaro. Ramo di olovo con fiori.
In dialetto vengono definiti con la parola “ntrata”, l’entrata, l’inizio del percorso che poi porterà i nuovi frutti.
E gira di qua e gira di là. Questo ramo non mi piace e questo è spoglio; la scelta ricadde su un paio di rametti belli, rigogliosi, pieni non solo di foglie ma anche di palline di fiori che dovevano ancora sbocciare.
Erano talmente uno spettacolo che mia sorella, nell’attesa dell’indomani, li mise in un vaso a mo’ di fiori.
In un primo momento tutto filò liscio ma pian piano mia sorella incominciò ad avere dei dubbi e disse: “abbiamo tagliato questi con la ntrata. Non ho mai visto palme con la ntrata!” Io da grande esperto risposi: “quest’anno Pasqua è alta, già gli ulivi hanno i fiori… e poi non sono palme, che hanno i datteri separati dalle foglie, ma ramoscelli d’ulivo. Vedrai in chiesa saranno tutte così.”
Non fui molto convincente, comunque, tronfia di questi rami volle portarli lei stessa in chiesa.
Basilica S. M. di  Leuca
Durante il tragitto e durante la messa guardava le altre persone che l’avevano, erano tutte senza le palline dei fiori e cercò di nascondere in qualsiasi modo le nostre da sguardi indiscreti.
In chiesa non c’era posto e rimanemmo in piedi, vicino ad una colonna con la quale mia sorella tentava di nascondere questo mazzetto di ramoscelli d’ulivo fino a quando un prete indicò a mia sorella dei posti vuoti ma erano vicino all’altare e mia sorella fece finta di non capire.
Allora venne da noi e mi sussurro ci sono i banchi del coro vuoti e prese mia sorella per mano e la portò facendoci attraversare tutta la chiesa con le palme. Mia sorella cercò di nascondere queste palme per tutta la funzione, cosa che non potette fare quando, nel cortile del Santuario, il prete chiese di sollevare questi rametti in aria per la benedizione.


⇐ pag. precedente  ↑ torna su 

Piazzale benedizione delle palme Mentre il parroco si accingeva ad impartire la benedizione si sentì una voce da dietro: “e carne quista, varda ce ntrata ca tene stannu!” (e caspiterina questa, guarda quante olive ha quest’anno!) Nel silenzio che richiedeva quel momento, quella frase la udirono tutti distintamente, scandita, secca e precisa come un tuono a ciel sereno. Più chiara delle parole  del parroco attraverso l’amplificazione; anzi, fu quella la vera benedizione. Anche il parroco la sentì e non riuscì a trattenere il sorriso; sarebbe bastato che dicesse: “Andate in pace, amen.”
Mia sorella mi lancio uno sguardo… che mi scorticò tutta la faccia… tipo raggio laser… di quelli dove le parole sono superflue. Ramo di olovo con fiori.
A quel punto lei, ferma, continuò a tenere in alto i ramoscelli, meditando ogni decimo di secondo che durò la benedizione la punizione da infliggermi.
Sii! Perché, alla fine di tutto, la colpa di quello che accade è sempre mia.
Da quell’anno ho imparato a mie spese che le palme non vengono ricavate dai rami più belli, come noi supponevamo, ma vengono presi i rami di sotto, quelli selvaggi belli o brutti che siano, quelli che comunque vanno potati.
Quasi dimenticavo di dirvi che da quell’anno la tradizione è cambiata:
1) le palme le taglio io, dagli alberi di ulivo della nostra campagna, rigorosamente senza “ntrata”;
2) io sono stato promosso a portatore ufficiale di palme con la formula, da ripetere sempre negli anni avvenire, per l’insignitura ufficiale: “tu le devi fare e tu le porti a benedire, pallonaro! (Racconta balle)”.

La domenidca delle Palme. pag... 1 2

Storia precedente - Minestra primavera. Minestra primavera - Acchiatura / Tesoro nascosto Storia successiva - Acchiatura.

⇐ pag. precedente  ↑ torna su 

Testa














Piede
 


[ Home Page | Contatti | Privacy | Mappa del Sito ]

Per informazioni scrivere a: info@arbit.it Via A. Guidoni 8, 73049 Ruffano (LE)


designed by Rocco RILLO