@rbit

Suggerimenti e consigli Informatica & Elettronica.
Cosa stai cercando?

Il tuo indirizzo I.P. è: 54.162.128.159

» Home  » Ruffano  » Racconti e storie in dialetto salentino  » Acchiatura - Tesoro nascosto ⇐ pag. precedente 

Acchiatura - Tesoro nascosto

Nu cristianu sta scia a fore.
tesoro nascosto Via facennu vitte su a via na petra ranne e pisante.
Pe la curiosità se vvicinau e vitte ca su a petra ncera scrittu: "JATA A CI ME NGIRA!"
Du cristianu pinzau ca sutta ddhra petra nci putia essere pricata n'acchiatura, nu grande tesoru, oru, gioielli, sordi e se tese te fare cu lu pote spricare, prima cu se ne ncorge qualche tunu autru.
Se ccucciau cu no lu vite ciuveddhri e quannu rimase sulu, ca tutta a gente ormai s’era chiusa inthra casa, se mise all’opera.
Dopu tantu tiempu e tanta fatica, percè a petra era ranne e pisante, quasi era mortu pe lu sforzu, riusciu cu gira a petra e vitte nauthra scritta: "MO CA MAI GGIRATA... MAGGIU TUTTA DDIFRISCATA."


⇐ pag. precedente  ↑ torna su 

audio della storia in dialetto ruffanese. ⇒ tesoro nascosto

Un uomo stava andando in campagna.
Strada fecendo vide sulla strada una pietra grande e pesante.
Per la curiosità si avvicinò e notò che sulla pietra c’era scritto: "BEATO CHI MI GIRA!"
Quell'uomo pensò che sotto quella pietra ci potesse essere sotterrato un grande tesoro, oro, gioielli, denaro e si diede da fare per poterlo dissotterrare, prima che altri se ne accorgessero.
Si nascose per non farsi vedere da nessuno e quando rimase da solo, che tutta la gente ormai si era chiusa in casa, si mise all'opera.
Dopo tanto tempo e tanta fatica, perché la pietra era grande e pesante, quasi era morto per lo sforzo, riuscì a girare la pietra e trovò un’altra scritta: "ORA CHE MI HAI GIRATA... MI SENTO TUTTA RIPOSATA."

⇐ pag. precedente  ↑ torna su 

Storia precedente - La domenica delle Palme. La domenica delle Palme

Testa














Piede
 


[ Home Page | Contatti | Privacy | Mappa del Sito ]

Per informazioni scrivere a: info@arbit.it Via A. Guidoni 8, 73049 Ruffano (LE)


designed by Rocco RILLO