@rbit

Suggerimenti e consigli Informatica & Elettronica.
Cosa stai cercando?

Il tuo indirizzo I.P. è: 54.162.128.159

» Home  » Ruffano  » Racconti e storie in dialetto salentino  » La moka di Rosina. pag.3 ⇐ pag. precedente 

La moka di Rosina. pag... 1 2 3

La moka di Rosina. pag.1

⇐ vai a Pag. 2   Fu sera e poi fu mattina e finalmente all’arrivo di Rosina la moka era pronta.
Sistemammo Rosina in modo che stesse comoda e tranquilla e festeggiammo allegramente il ritorno a casa della bersagliera.
La moka di Rosina
A una certa ora della serata, ogni tanto qualcuno salutava e andava via, ci ritrovammo io, Rosina e la badante da sole e, vedendola stanca in volto, decisi di salutare e andare via anche io.
Rosina mi ringraziò tanto per tutto quello che avevo fatto, promettendomi che, quando sarebbe stata meglio, avrebbe trovato il modo per ricambiare le attenzioni che avevo avuto per lei.
Poi mi prese la mano e mi disse: “Hai capito perché sono caduta?”
Pensando che, dall’alto della sua esperienza, mi volesse dire qualcosa di serio e filosofico, risposi: “Non ti abbattere, coraggio! Meglo così che peggio! In breve ritornerai la bersagliera di prima! Sei caduta per colpa del gatto. Poteva capitare a chiunque di noi.”

⇐ pag. precedente  ↑ torna su 

“No!" Rispose lei scuotendomi la mano e l'anima. “Quella moka…. quella vecchia caffettiera mi ha fatto compagnia per tantissimi anni. Anche quando non preparavo più il caffè la prendevo, la pulivo, le parlavo. Quel giorno l'avevo buttata; mi vedevo in quella moka e, presa dallo sconforto per l’età che avanza inesorabilmente, le avevo detto a voce alta: :-si vecchia comu mmia, no'mbali mancu cu stai sposta. Ci te tegnju a fare! E ura cu bbai allu cimitero.-: (sei vecchia come me, non vali neanche per stare esposta. Cosa ti tengo a fare! E ora che tu vada al cimitero.) E un attimo dopo, scendendo le scale, sono caduta perché tu la potessi trovare e darle una nuova vita.
Non farà più il caffè, questo è poco ma sicuro, ma adesso è la moka più bella del paese e c’è l’ho io. Grazie!”

Dopo un attimo di silenzio che mi gelò il sangue aggiunse: ":- moi su sicura e tranquilla ca tra centu, centucinquanta anni, quannu toccherà a mia, u Patreternu me farà fazzu nautra cosa":- (Adesso son sicura e tranquilla che tra cento, centocinquanta anni, quando toccherà a me, il Padre Eterno mi farà fare qualcos'altro.)

La moka di Rosina. pag... 1 2 3

⇐ pag. precedente  ↑ torna su 

Storia precedente - Acchiatura / Tesoro nascosto Acchiatura - Il piccolo fiammiferaio Storia successiva - Il piccolo fiammiferaio.

Testa














Piede
 


[ Home Page | Contatti | Privacy | Mappa del Sito ]

Per informazioni scrivere a: info@arbit.it Via A. Guidoni 8, 73049 Ruffano (LE)


designed by Rocco RILLO